Italia Eventi 24
LinguaIT
Le emozioni della World Music al Premio Parodi 2018
Si è svolta al Teatro Auditorium di Cagliari l'11^ edizione della festa della World Music
Cagliari - piazza dettori

Le emozioni della World Music al Premio Parodi 2018

Emozioni, colori e ritmi dal mondo si incontrano e dialogano sul palco del Parodi

Appuntamento imperdibile dell’autunno musicale in Sardegna, il Premio Parodi è una bella occasione per incontrare e scoprire la World Music.
Decine di critici ed esperti affinano l’udito e affilano le penne tra piacevoli scoperte e incontri per tastare il polso del settore. Davvero interessante la giornata di studi curata da Jacopo Tomatis in collaborazione con Labimus e l’università di Cagliari, con il dibattito intorno al tema “Dall’autentico al cliché” con Ignazio Macchiarella, Marco Lutzu, Andrea del Favero, Timisoara Pinto e Mauro Palmas che, nella cornice del Premio, ha presentato il suo bel bel “Palma do sols”, vibrante e intenso.

Ma il successo di queste tre giornate va cercato anche tra i non addetti, tra coloro che, richiamati dall’energia che si materializza sul palco, si lasciano travolgere da parole che si fanno ritmo.
Poco importa se questa edizione sia stata un po’ più pop e meno world, e che pochi conoscano le origini di questo genere, che risale agli anni ’80, inventato tra gli altri da quello stesso Peter Gabriel protagonista, insieme ad Andrea Parodi, di un leggendario, e divertente, episodio raccontato dall’amato Daniele Cossellu, leader dei Tenores di Bitti Remunnu ‘e Locu, che quest’anno ha ricevuto il Premio Albo d’oro 2018.
Poco importa che questo genere musicale sia nato da esigenze discografiche legate a una pratica organizzazione commerciale perché le etichette sugli scaffali sono diventate ampie ali con le quali, nel tempo, ha abbracciato altri generi. Si è lasciata contaminare la Word Music, si è fatta casa accogliente per tante sonorità che s’incontrano e fluiscono senza argini penetrando nel tessuto della Terra,

Il tessuto di emozioni ha invaso la sala. Ogni finalista le ha cucite su quell’abito world, un mosaico colorato fatto codici di comunicazione sonora che tutti sappiamo interpretare perché ci suonano familiari.
E così c’è chi ha tessuto poesia come il sensibile studioso della cultura e letteratura siciliana Giuseppe Di Bella, menzione per il miglior testo e dei concorrenti; chi come il generoso e vulcanico Aniello Misto, ha intrecciato suoni e virtuosismi vocali, portandoci tra i vicoli partenopei;
o come gli eleganti sardi Kor, menzione della critica internazionale, che hanno indossato abiti musicali che vanno dal lirico allo swing; gli Ararat Ensable ci hanno offerto una matassa di respiri, dall’Africa all’Armenia, e una piccola bandiera sarda sul petto; i linguaggi si avvolgono e si fondono nell’energia dei Terrasonora, grinta napoletana che accarezza sponde mediterranee; i Dindun hanno pizzicato le corde sensibili del cuore e ha riecheggiato il suono antico della ghironda; ci hanno fatto saltellare sulla sedia i Monsieur Domani, realtà difficili a ritmo di tsuràs quelle cantate dalla band cipriota premio della critica e menzione per la migliore interpretazione del brano di Andrea Parodi ovvero Abacada; e i ritmi randagi dei Feral Cor sono partiti da Genova ma le loro impronte sono arrivate su strade lontane con il respiro del didgeridoo, anche a loro una menzione dei concorrenti; ed infine i vincitori di questa 11^ edizione, La Maschera, dinamici funamboli napoletani che vanno a cercare fratellanze e diversità in terre lontane.

La World Music, di cui il Premio Parodi si fa portavoce, in fondo è come la bella jam session che abbiamo ascoltato sul palco la sera della finale con il franco macedone Stracho Temelkovski, i peruviani Jorge Pardo e Francisco Rey Soto, le venete Duo D’Altrocanto e gli accoglienti padroni di casa Elena Ledda, Mauro Palmas, Silvano Lobina e Andrea Ruggeri. Un incontro di artisti che parlano in musica, quella lingua che tutti capiamo da sempre. Questa world music ci ha portato in luoghi lontani, ha parlato lingue diverse e raccontato storie di vita con quella sua libertà di farsi rielaborare secondo la sensibilità del singolo in forme sempre nuove.

Galleria fotografica

Video

Daniela Deidda

0 eventi pubblicati

1 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español