Italia Eventi 24
LinguaIT
L’arena Mamma Blues di Nureci ospita il musicista Bombino per la seconda serata della rassegna.
Lo stile sinuoso di Bombino,la sua musica fresca,ritmica e melodica appassiona e coinvolge il folto pubblico dell'arena estasiato dalla serata.

La seconda serata del “Mamma Blues” a Nureci,si apre con l’esibizione del Gruppo secondo classificato allo “Zuradili Blues Contest” i “The Breackers Hammond Organ Band” che fa da spalla per la serata al musicista Tuareg “Bombino”.

Goumar Almoctarm,in arte “Bombino”,è un musicista che proviene dal Niger; canta in Tamashek la lingua dei Tuareg,il suo popolo; parole lontane che riescono a comunicare molto di un vissuto che per molti di noi,è sconosciuto. Una lingua che parla di una popolazione che ha una storia, fatta anche di normalità,non solo di ribellioni. “Bombino”,ribattezzato il Jimi Hendrix del deserto,suona con grandi musicisti come Robert Plant e gira il mondo partecipando a festival internazionali della musica.

Attualmente è in giro per concerti in Italia, e tra le sue tappe c’è anche Nureci. L’arena Mamma Blues è affollata,la lunga fila per l’ingresso non sembra volersi concludere. Preso posto nei gradini dell’arena aspettiamo con curiosità l’ingresso sul palco di Bombino e della sua band. Sin dal primo brano rimango piacevolmente colpita,lo stile di Bombino è sinuoso,la sua musica è fresca,ritmica e melodica; gli accordi e le vocalità solcano l’anima di chi ascolta. La sua voce è come un elemento aggiuntivo che fa da contorno alla musica: la chitarra è la prima protagonista in ogni suo brano,le melodie nascono quasi suadenti,poi le note iniziano a susseguirsi velocemente,il ritmo della sua chitarra aumenta,diventa incalzante,e allora bassista e chitarristi lo seguono in questa versione del blues ricca e vibrante.

La serata si scalda,difficile non rimanere coinvolti dalle sonorità stimolanti; il pubblico si alza in piedi e balla un rock-blues sapientemente mescolato al ritmo della musica del deserto,tiene il tempo senza stancarsi. Si susseguono tante canzoni,tratte dal suo ultimo album “Nomad”,trascorrono velocemente due ore di musica per me positivamente coinvolgente,trascinante,appagante,una sonorità fino ad allora sconosciuta alle mie orecchie; una musica che ci rimanda all’Africa più vera,una terra dal grande calore umano,dalla immensa spontaneità e semplicità,ma soprattutto rimanda ai Tuareg,con la loro tormentata storia alla ricerca della libertà.

La serata è già conclusa,mi accingo a raggiungere l’uscita dell’arena,mi guardo attorno per qualche istante, ancora una volta Dromos non sbaglia: il pubblico è entusiasta della serata.

Manuela Vacca

0 eventi pubblicati

2 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español