Italia Eventi 24
LinguaIT
ANCORA UN MESE PER PARTECIPARE AL CENSIMENTO DEL FAI DEI LUOGHI ITALIANI DA NON DIMENTICARE
Ecco la classifica provvisoria dei luoghi più votati in Sardegna
Cagliari

ANCORA UN MESE PER PARTECIPARE AL CENSIMENTO DEL FAI DEI LUOGHI ITALIANI DA NON DIMENTICARE

FINO AL 30 NOVEMBRE SI POSSONO ANCORA VOTARE “I LUOGHI DEL CUORE”

Manca un mese al termine della 9ª edizione del censimento nazionale dei luoghi da non dimenticare organizzato dal FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Ancora 30 giorni per votare i luoghi più amati e contribuire a tutelarli, valorizzarli o salvarli da degrado e abbandono con un gesto concreto.

Sono oltre un milione i voti ricevuti finora per più di 35.000 differenti “luoghi del cuore”, ma migliaia di persone si stanno ancora mobilitando per raccogliere firme a favore delle realtà territoriali a loro più care, con 224 comitati che a oggi si sono registrati sul sito www.iluoghidelcuore.it. Si tratta di dati parziali, visto che di solito negli ultimi giorni del censimento vengono consegnate al FAI molte raccolte voti, spesso in grado di ribaltare la classifica finale che verrà comunicata nel mese di febbraio 2019.

Doppio l’obiettivo che stimola a partecipare a questa iniziativa davvero unica e a compiere un gesto d’amore verso luoghi d’arte e natura bisognosi di cure e protezione:
– la realizzazione di un intervento diretto sulla base di specifici progetti d’azione per i primi 3 luoghi classificati, a cui verranno destinati rispettivamente 50mila, 40mila e 30mila euro, e per il bene vincitore della speciale classifica dei “luoghi d’acqua” a cui saranno assegnati fino a 20mila euro;
– la visibilità ottenuta dai luoghi votati durante il censimento che, oltre a sensibilizzare la popolazione sull’importanza del proprio patrimonio e sulla necessità di una sua tutela e valorizzazione, può portare in alcuni casi alla nascita di collaborazioni virtuose tra società civile, associazioni e istituzioni del territorio e trainare così lo stanziamento di ulteriori contributi.

I luoghi che riceveranno almeno 2.000 voti potranno inoltre presentare una richiesta per un intervento sostenuto da FAI e Intesa Sanpaolo, secondo le linee guida che verranno diffuse nel 2019 dopo l’annuncio dei risultati e sulla base delle quali verranno selezionati i beneficiari di contributi economici fino a un massimo di 30mila euro. In totale, nel 2019, verranno messi a disposizione 400.000 euro.

Ecco i luoghi che in Sardegna sono, per il momento, ai primi posti della classifica provvisoria (a seguire le descrizioni):
* Museo a cielo aperto “Maria Lai”, Ulassai (NU)
* Chiesetta di Sant’Antiogu Becciu, Sanluri (VS)
* Giardino Sonoro – Museo all’aperto Pinuccio Sciola, San Sperate (CA)

C’è tempo fino al 30 novembre 2018 per votare i propri “luoghi del cuore”: un’occasione unica per esprimere il proprio amore per l’Italia e condividerlo con chi riconosce nelle bellezze del nostro Paese la propria identità. Ecco le modalità di partecipazione al censimento:
– Sul sito www.iluoghidelcuore.it
– Raccolta voti su moduli cartacei (scaricabili dal sito www.iluoghidelcuore.it)
– Nelle filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo

Dal 2004 Intesa Sanpaolo affianca il FAI in questa iniziativa a favore della tutela e della valorizzazione delle bellezze artistiche e naturali del Paese, ambito che vede il Gruppo impegnato in prima persona. A questo si aggiunge la capillare diffusione sul territorio italiano che asseconda la presenza ben distribuita della Banca in tutte le regioni italiane al servizio dei suoi oltre 12 milioni di clienti. Presso le filiali del Gruppo, come detto, tutti possono votare il loro “luogo del cuore” favorendo così l’opportunità di ricevere un’ulteriore assegnazione di 5.000 euro al luogo più votato in una filiale. Intesa Sanpaolo partecipa attivamente alla vita culturale del Paese: nel 2017 è stato insignito del titolo di Mecenate del XXI secolo nell’ambito dei Corporate Art Awards.

Il censimento è realizzato con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.
Si ringrazia il Gruppo Editoriale Gedi per la concessione gratuita di spazi pubblicitari, che ci aiutano a diffondere l’iniziativa e la missione del FAI.
RAI è main media partner anche dell’edizione 2018 de “I Luoghi del Cuore” con RAI1 che ha promosso l’iniziativa con spazi dedicati in Uno Mattina Estate e con RADIO1 che ha attivato un’ampia copertura con programmi del canale e servizi nei GR.

I LUOGHI IN SARDEGNA AI PRIMI POSTI DELLA CLASSIFICA PROVVISORIA

Museo a cielo aperto “Maria Lai”, Ulassai (NU)
Il Museo a cielo aperto “Maria Lai” a Ulassai (NU) è un importante esempio di arte pubblica e sociale avviato nel 1981 con la performance collettiva “Legarsi alla montagna”, prima opera di arte relazionale a livello internazionale. Maria Lai (Ulassai, 1919 – Cardedu, 2013) è stata una delle voci più singolari dell’arte italiana dal secondo dopoguerra in poi. La sua particolare attitudine per il disegno la porta a iscriversi, nel 1939, all’Accademia di Belle Arti di Venezia, unica donna in quegli anni a studiare scultura con Arturo Martini. Si concentrò durante tutto il suo percorso sui materiali, traendo ispirazione dall’arte povera e dall’arte concettuale, fino a utilizzare prodotti locali, come il pane, evidenziando il forte attaccamento alla sua terra. Le opere di Maria Lai e di altri artisti sono disseminate variamente nel centro abitato di Ulassai, mirabilmente integrate e fuse con il territorio e le sue straordinarie bellezze ambientali e naturalistiche. Molte di esse però richiedono interventi urgenti e tempestivi di salvaguardia e recupero, promozione e valorizzazione, esposte alla inclemenza del tempo e alle intemperie naturali, che rischiano, sempre più, senza adeguati e tempestivi interventi conservativi, di essere compromesse e danneggiate irreparabilmente. Queste sono le ragioni che spingono il comitato “Luoghi d’arte, Museo a cielo aperto Ulassai” a promuovere la raccolta firme al censimento del FAI.

Chiesetta di Sant’Antiogu Becciu, Sanluri (VS)
La chiesetta campestre di Sant’Antiogu Becciu, posta in territorio di Sanluri (VS), proprio ai confini con l’agro di Villanovaforru, fu realizzata nel 1610 grazie al lascito di un privato e fu utilizzata sino al periodo della Prima Guerra Mondiale, quando venne definitivamente abbandonata. Per circa 300 anni in questa chiesa si è celebrata la Festa di Sant’Antioco, protomartire e patrono della Sardegna, con una grande partecipazione di fedeli. Dopo l’abbandono, l’edificio venne spogliato degli arredi, depredato di molti materiali e infine utilizzato come ricovero di bestiame. Dopo circa 100 anni di abbandono, le mura, in parte distrutte e in parte pericolanti, rischiavano di crollare cancellando del tutto il ricordo di un bene così prezioso, condizione che ha fatto scattare la molla del recupero. Si è così costituito nel 2014 un comitato spontaneo di cittadini particolarmente orgogliosi del passato della città e del territorio, che con costanza e determinazione è riuscito a far sì che la chiesetta venisse restaurata e riaperta al pubblico il 15 aprile 2018 in occasione della Festa del Santo. L’area dove si trova la chiesa, di proprietà del Comune, è stata concessa in comodato d’uso gratuito ventennale al comitato “Salviamo Sant’Antiogu Becciu” che si è posto come prossimi obiettivi il restauro del pavimento originale in cotto del 1610 e la sistemazione del parco intorno alla chiesetta.

Giardino Sonoro – Museo all’aperto Pinuccio Sciola, San Sperate (CA)
In mezzo a pietre giganti perfettamente incise dal maestro Pinuccio Sciola (1942-2016), sembra di essere arrivati al centro della Terra. Il Museo all’aperto di Pinuccio Sciola “Giardino Sonoro” è un orizzonte di pietre megalitiche pervaso dal profumo degli agrumi. Uno spazio artistico senza tempo, che mette d’accordo tutti i sensi e li amplifica. Nel suo “incantato” giardino è possibile immergersi alla scoperta dei suoni diversi che riproducono materiali e lavorazioni differenti. Un modo di assaporare l’arte, uno spazio culturale in cui, con rispetto e creatività, si può persino partecipare e provare l’emozione di accarezzare l’elemento primo e scoprire il suono ancestrale rimasto rinchiuso all’interno della materia per millenni. Il comitato che si è formato in occasione del nono censimento de “I Luoghi del Cuore” si pone come obiettivo la tutela adeguata del parco attraverso il restauro di alcune delle opere, purtroppo danneggiate dal tempo e dall’azione invasiva dell’uomo, allo scopo di rendere fruibile il luogo a un pubblico sempre più vasto.

SardegnaEventi24.it

837 eventi pubblicati

113 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español