Italia Eventi 24
LinguaIT
A Mamoiada i fuochi di Sant’Antonio accendono il carnevale
La festa di "Sant'Antoni e su 'ou",il rituale dei fuochi

La festa segna la prima uscita pubblica dei mamuthones

In numerosi centri della Sardegna,in occasione della celebrazione della festa di Sant’Antonio abate il 16 e 17 gennaio,si accendono dei grandi fuochi che segnano,per tradizione,l’inizio del periodo carnevalesco.

A Mamoiada questo rito è molto più che un evento legato alla tradizione,è un’usanza che si perde nella notte dei tempi ma che,nel tempo,non ha perso fascino e mistero. Perché queste sono le sensazioni che accompagnano l’ospite,non lo spettatore,che richiamato per l’occasione in questo centro della Barbagia di Ollolai,viene accolto dalla popolazione locale con sorrisi,vino e dolci prelibati tra cui spicca per bontà il delizioso pabassino nero.

A Mamoida la festa di "Sant’Antoni e su ‘ou" (del fuoco) prevede l’accensione di tanti falò quanti sono i quartieri del paese e,attorno a questi,si animano le vigorose danze dei mamuthones accompagnati dagli issohadores.

Il rituale dellavestizionedegli uomini che diventano mamuthones incuriosisce e affascina. Nella trasfigurazione l’uomo acquista un’identità animale possente che in qualche modo nasconde l’umanità sotto l’antropomorfa maschera lignea.
La mastruca nera (la tipica casacca di pelo ovino) ma soprattutto il peso della garriga (un insieme di campanacci e campanelle il cui peso si aggira intorno ai 40-45 kg) tenuta insieme da un complesso sistema di cinghie in pelle è talmente stretta da rendere faticosa la respirazione.

La figura dell’issohadore,con un corpetto di panno rosso decorato da piccoli sonagli e sa visera (maschera) bianca,è quella di guida e coordinamento dei mamuthones,ma si diverte a catturare al lazo (soha) “prede” femminili che si trovino a tiro,in segno di fertilità e buon auspicio.
La processione si snoda per le vie del paese e,quando giunge nei pressi dei grandi fuochi, le maschere si dispongono su due file parallele iniziando a danzare ritmicamente e scuotendo tutta la sonagliera con un fragoroso scampanio.
Il ritmo è vigoroso,il suono è possente. La fatica dell’uomo trasuda dagli spiragli oculari di quella che non è solo una semplice maschera,un semplice travestimento carnascialesco,perchè essere un mamuthone è un onore,un segno d’identità che tutti,da sempre,rispettiamo e ammiriamo e il cui fascino continua misteriosamente ad attrarci.

Daniela Deidda

923 eventi pubblicati

125 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español