Italia Eventi 24
LinguaIT
Cagliari tra arte e natura


Cagliari Sardegna
La città di Cagliari è particolarmente ricca di affascinanti reperti archeologici ancora visibili,come l'anfiteatro,la necropoli occidentale e tutti i vari ritrovamenti che gli archeologi hanno scoperto fino ad oggi.

All'interno della città è altresì possibile trovare una serie zone interessanti ricche di vegetazione,presso le quali ci si può rilassare facendo delle belle passeggiate all'aria aperta. In Piazza S. Cosimo,nella zona orientale della città,è possibile ammirare una vasta area verde lussureggiante,nota come S. Saturnino,ove si trova una antichissima chiesa paleocristiana circondata da diverse palme di una certa altezza. E' probabile che la chiesa sia stata costruita proprio nel luogo in cui S. Saturno venne martirizzato.

Nel 1089,il giudice di Cagliari Costantino di Lacon Gunale fece dono del monastero ai monaci benedettini di San Vittore di Marsiglia,i quali vi istituirono la sede del priorato sardo dell'Ordine. S. Saturnino venne danneggiato gravemente durante l'assedio catalano nella prima metà del 1300 e cadde del tutto in rovina dopo circa un secolo. Ma nel 1669 venne smantellata almeno in parte,per permettere di ricavare materiali utili per la ristrutturazione della Cattedrale di Cagliari. La chiesa è particolarmente interessante poichè possiede diverse finestre con vetri riflettenti,altissime arcate e un'area presbiteriale nel suo interno. Inoltre,intorno alla chiesa,è possibile ammirare una vasta necropoli ricca di sepolture e tombe di origine Romana e Bizantina. cagliari

Poco lontano dalla chiesa,si può notare l'ingresso della Chiesa di S. Lucifero,eretta durante il XVII secolo. Essa comprende tre edifici funerari tardoromani risalenti al terzo secolo a.C.,utilizzati in fase successiva come luoghi di sepoltura cristiani,delle bellissime scalinate del presbiterio dei Domenicani con degli stemmi araldici e un interessantissimo ipogeo a più vani a struttura voltata. Un piccolo giardino rialzato,situato proprio di fronte alla chiesa,conserva l'antica colonna di giurisdizione,connettendosi con il meraviglioso Parco delle Rimembranze,presso il quale sarà possibile ammirare un particolare monumento ai caduti in trachite,costruito nel 1935.

Proseguendo sulla sinistra lungo le vie Sonnino e XX Settembre,si potrà arrivare alla Piazza Deffenu,circondata da una serie di diversi alberi come il Ficus Magnolioides,oleandri,palme e alberi di Giuda,dalla straordinaria fioritura primaverile di color rosa che precede la fogliazione.

Salendo lungo il Viale Regina Margherita,invece,si arriverà in Piazza Costituzione,ai piedi del Bastione di Saint Remy,dal quale si potrà iniziare a passeggiare lungo il Terrapieno,lungo le pendici orientali del quartiere di Castello. Il Terrapieno venne trasformato in passaggio pubblico nel 1840 e,successivamente,nel 1930,grazie anche alla presenza di diversi alberi d'alto fusto,piante grasse e cespugli che lo delimitano.

Dal Terrapieno,sarà poi possibile ammirare il sottostante quartiere Villanova,con le sue bellissime chiese di S. Domenico e di S. Giacomo. La chiesa di S. Domenico fu fondata nel 1254 nella zona che,precedentemente,era stata occupata dalla chiesa Benedettina di S. Anna e fu poi distrutta nel 1943 in seguito a dei violenti bombardamenti. Per vari secoli,la chiesa di S. Domenico venne considerata come l'epicentro della vita religiosa e culturale di Cagliari,mentre oggi può essere ammirata solo ed esclusivamente per il suo valore architettonico. cagliariProprio alla fine del Terrapieno,si può notare l'ingresso dei Giardini Pubblici,con un lungo viale costellato da alberi e da siepi. Nei suoi pressi,si potrà anche ammirare la Galleria Comunale di Arte Moderna,una grande palazzina neoclassica davanti alla quale sono presenti diverse statue che rappresentano una figura femminile Romana.

Sulla sinistra della palazzina è possibile seguire una stradina ripida che porta alla piccolissima chiesa di S. Lorenzo o Nostra Signora di Buon Cammino,la quale si trova pressochè nascosta tra le case. Da tale punto,è poi possibile camminare lungo la famosa passeggiata del Buon Cammino, a sua volta delimitata da diverse specie di alberi come cipressi,olmi e pini.

Se si procede lungo il vicino Viale S. Ignazio da Laconi,si potrà raggiungere lo stupendo anfiteatro romano,costruito durante il primo secolo a.C. Esso è quasi interamente scavato nella roccia,alle pendici occidentali del colle di Buon Cammino; conserva ancora le fosse per le belve,la cavea con le recinzioni divisorie e anche tre serie di gradinate. Queste ultime sono divise in ordini diversi,riservati a differenti classi sociali che vi accedevano da distini passaggi. cagliari bastione

Sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale,l'anfiteatro è sempre stato sede di vari concerti estivi che ogni anno ottengono un discreto successo. Procedendo con la passeggiata,si potrà giungere all'ingresso dei Giardini Botanici,creati nel 1866. Le particolari caratteristiche microclimatiche dell'area hanno favorito l'acclimatazione e lo sviluppo di piante appartenenti alle tre fasce di vegetazione della Sardegna e delle varie specie tropicali.

Nel 1866 venne inaugurato un giardino che conteneva circa 150 diverse specie di piante medicinali,raggruppate in diversi settori a seconda dei loro particolari usi terapeutici. I giardini,nel loro interno,contano la presenza di circa 600 alberi,compresi gli esemplari monumentali appartenenti ai generi Dasylirion,Nolinae,Cassowaries,Dracenae e gli alberi indiani della gomma; inoltre,sono particolarmente interessanti anche dal punto di vista archeologico poichè possiedono diversi pozzi e cisterne dell'età Romana.

Una volta fuori dai Giardini Botanici,la Via Tigellio conduce alle rovine di alcune domus Romane,meglio conosciute come villa di Tigellio,un grande poeta sardo di età augustea. In seguito,se si procede la passeggiata lungo il Corso Vittorio Emanuele,si potranno ammirare vari fantastici giardini privati e ville risalenti all'inizio del XX secolo. Esattamente alla fine del Corso si giungerà al sobborgo di S. Avendrace: camminando per l'omonimo viale,sulla destra si potrà trovare la ben conosciuta Grotta della Vipera,una sorta di caverna molto particolare che durante il primo secolo a.C. fu la tomba della bella Atilia Pompilia. Essa è caratterizzata da un frontone con un timpano privo delle due colonne,ma adornato da due serpenti. Sulla roccia retrostante la tomba sarà possibile leggere alcune scritte in lingua greca e latina che il marito di Atilia,Cassio Filippo,dedicò in memoria di sua moglie. L'intera collina circostante è parzialmente occupata dal cimitero di Tuvixeddu,una necropoli molto suggestiva,ricca di tombe a pozzo in parte integre. Fuori dal centro storico,nei pressi del nuovo ospedale,si erge il fantastico Castello di S. Michele,posizionato sull'omonimo colle; oggi è circondato da numerosi palazzi,sebbene un tempo fosse completamente isolato. Grazie a dei recenti scavi archeologici,sono stati rinvenuti i resti di una chiesa del basso Medioevo,al di sopra della quale venne costruito il castello subito dopo la conquista aragonese della Sardegna,nella prima metà del XIV secolo. Durante il secolo successivo il castello venne abbandonato e divenne una sorta di colonia di isolamento per malati durante la "Pestilenza di Sant'Efisio" del 1652,ma fu successivamente rifortificato quando Cagliari venne attaccata dalle truppe francesi tra il XVII e il XVIII secolo. Durante il XIX secolo esso divenne una sorta di caserma,mentre nel XX fu la sede della Marina Nazionale Italiana. Oggi,è caratterizzato da tre torri e da mura esterne,mentre nel suo interno sono stati eseguiti dei lavori di restauro con delle strutture in acciaio e in policarbonato.
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español