Italia Eventi 24
LinguaIT
XIII edizione di Cuncambias: Da questa parte del mondo
Dal 26/07/2016 al 31/07/2016

Metti in evidenza il tuo evento

Evidenza Facebook

La tredicesima edizione di Cuncambias si apre all’insegna del ricordo,dell’affetto e della voglia di una comunità di fare i conti con la propria storia e il proprio futuro.

Non a caso,l’anteprima del Festival è interamente dedicata a Pinuccio Sciola,artista di San Sperate scomparso il 13 maggio scorso,con un incontro intitolato “Fillus de unu muru biancu” a cui prenderanno parte tanti amici del grande artista sansperatino.

Ci sarà poi la giornata dedicata a Gianmaria Testa,con l’attore Giuseppe Cederna e Paola Farinetti,compagna di vita e di lavoro di Gianmaria,che ci racconteranno il grande cantautore piemontese,e poi il concerto finale dove diversi cantautori e musicisti isolani interpreteranno alcuni dei suoi brani più amati.

Per il teatro,e per la compagnia di casa,un momento importante sarà la centesima replica dello spettacolo “Not’e Incantu” di Antas Teatro,per la regia di Giulio Landis,con in scena Stefano Farris e Pino Mameli,piece per l’occasione in una veste davvero speciale; quindi avremo il debutto del nuovo progetto “De custu mundu”,un reading/concerto con Elena Ledda,Lia Careddu,Giacomo Casti,Mauro Palmas e Arrogalla che attraverserà la grande letteratura e la grande musica isolana in chiave ultra-contemporanea; ci sarà dunque la performance teatrale “Passagem” curata da Maria Benoni.

La serata del sabato avrà protagonista una delle regine sarde della musica e dell’intrattenimento,Rossella Faa in “Bella,bella sa becesa”.

Non mancherà la musica,come sempre,a cui verrà dedicata la fascia conclusiva di ogni serata,con le note e i suoni di Alberto Sanna,Pedditzi Trasporti,Chiara Effe,Carlo Addaris,Matteo Sau e Carlo Doneddu; ampio spazio al Teatro-Ragazzi con Teatro Atlante,Le Compagnie del Cocomero,Teatro del Sottosuolo,Intrepidi Monelli. Ogni giornata avrà poi il suo incontro letterario,con Emanuela Nava,Cristian Mannu,Francesca Mulas,Mauro Tetti,e i vincitori del Premio letterario Anselmo Spiga. Un altro momento molto partecipato sarò l’appuntamento quotidiano con le storie di Andrea Serra,che ogni giorno ci proporrà uno spunto e una suggestione diversa a partire dai temi di quest’edizione; ci saranno le animazioni musicali di strada di Mimmo Lussu,Efisio Puddu,Gianluca Piras; i laboratori di Fabrizio Lo Bianco,Marco Peri e NoArte; le operazioni artistiche open-space di Raffaele Muscas e Attila Kleb. Il murales dedicato a Testa e Sciola,che l’artista catalano Oriol Caminal Martinez realizzerà nei giorni del Festival.

La chiusura del Festival,di nuovo simbolicamente dedicata a Pinuccio,sarà con il concerto del Tenores di Neoneli,con la partecipazione di Andrea Schirru,Orlando e Eliseo Mascia. Come sempre,non mancheranno la convivialità e la buona cucina (a chilometro zero e rigorosamente biodegradabile!),che renderanno il Rione di San Giovanni un pezzo di mondo magico,accogliente e inclusivo.

Il tema: "Come spesso ci è capitato,anche quest’anno c’è una storia che crediamo valga la pena raccontare,dietro il nuovo Cuncambias. Si sarebbe dovuta intitolare “Da questa parte del mare”,l’edizione 2016,titolo – ai nostri occhi – che è sintesi perfetta tra un invito al ragionamento sulla questione cruciale del nostro tempo,cioè gli enormi e disperati flussi migratori attraverso il Mediterraneo e verso l’Europa,e un sentito omaggio ad un amico del Festival prematuramente scomparso,il grande cantautore Gianmaria Testa,dato che “Da questa parte del mare” è il titolo di un suo disco e,ultimamente,anche di un libro.

La vita,però,come a volte capita,ha aggiunto dolore al dolore perchè,come è noto,lo scorso maggio è venuto a mancare anche Pinuccio Sciola,grande amico e straordinario artista,primo motore dell’incantesimo culturale chiamato San Sperate,di cui anche noi ci sentiamo figli e fratelli. Questo ha messo in moto in noi una serie di riflessioni e considerazioni,non ultima quella di un bisogno di ragionamento collettivo su come e quanto la nostra comunità possa essere,in futuro,all’altezza della propria storia. Il passaggio è stato allora quello di intitolare Cuncambias: “Da questa parte del mondo”,mantenendo la suggestione tematica (e testiana) di riflessione sulla nostra epoca e,allo stesso tempo,con la sostituzione della parola “mare” con quella di “mondo”,provando ad accentare in questa maniera il nostro essere piccolo pezzetto di mondo,con le sue peculiarità,le sue fortune,il suo destino (da qui il sottotitolo). Ci auguriamo che questo doppio livello (universale e comunitario) possa essere ben compreso,e che questo momento di lutto e di ricordo possa diventare bellezza,vita in comune e invenzione artistica,come i nostri due amici,ne siamo certi,avrebbero voluto. Si può fare festa anche con il cuore in lacrime,da questa parte del mondo".

I luoghi,un Festival e una comunità: la XIII edizione del Festival,si svolgerà a San Sperate,nel Rione storico di San Giovanni, dal 27 al 31 luglio. In virtù della sua anima popolare,il festival coinvolgerà l’intero rione storico,che si trasformerà in spazio scenico allestito e abbellito con installazioni scenografiche,che arricchiscono il suo tessuto urbano. La suggestione dei vicoli,delle piazze e delle lollas del rione,del resto,garantiscono quella atmosfera e quella convivialità tra artisti e spettatori che è una delle caratteristiche di Cuncambias: inutile dire come questo possa accadere solo grazie alla disponibilità e al senso civico degli abitanti,oltre che alla capacità degli organizzatori di renderli partecipi attori degli avvenimenti. Cuncambias,tra cultura popolare e filosofia del baratto: il Festival di Cultura popolare Cuncambias,giunto alla sua XIII edizione,nasce nell’estate del 2004 per ricordare la persona di Alfonso “Anselmo” Spiga,drammaturgo e uomo di cultura. La parola Cuncambias,nella variante campidanese della lingua sarda,significa "baratto,scambio",e la manifestazione ha fatto del suo significato letterale la sua filosofia. Cuncambias è un progetto/Festival laboratoriale e gioioso,che prova ad affrontare il presente con le armi della cultura e della socialità,fatto di elementi di teatro,musica,letteratura,incontri,mostre,cultura del cibo e buone pratiche, messe insieme a produrre qualcosa in più della somma degli ingredienti,ovvero una pietanza capace di stimolare gli appetiti intellettuali più esigenti e allo stesso tempo di “sfamare” in modo diretto e popolare i palati dei tanti che,da un prodotto culturale, pretendono soprattutto immediatezza e spunti collettivi.

Francesca Mulas

13 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

Allerta Meteo

Rischio Idraulico

Oggi
Domani

Rischio Idrogeologico

Oggi
Domani

Temporali

Oggi
Domani
Scala di rischio
Moderato
Importante
Elevato

# Altri Eventi

dal 27/10/2018 al 25/11/2018
Porto Torres
dal 08/11/2018 al 22/12/2018
Paulilatino
dal 23/11/2018 al 25/11/2018
Olbia
dal 11/10/2018 al 09/12/2018
Cagliari
dal 27/10/2018 al 18/11/2018
Gavoi
dal 24/11/2018 al 25/11/2018
Alghero
dal 17/11/2018 al 29/12/2018
Belvì
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español