Italia Eventi 24
LinguaIT
Proiezione de “il Rosa Nudo”,un film di Giovanni Coda
Sabato 8 febbraio presso il Dipartimento di Architettura,Design e Urbanistica di Alghero
08/02/2014

Metti in evidenza il tuo evento

Evidenza Facebook

In occasione delle ricorrenze legate alla Giornata della Memoria,Le Città Invisibili sono liete di annunciarvi che,in collaborazione con la Facoltà di Architettura di Alghero ed il MOS– Movimento Omosessuale Sardo,l’8 febbraio presso i locali della Facoltà di Architettura di Alghero,verrà proiettato "IL Rosa Nudo",un film di Giovanni Coda.
Un film per l’anima,un film per non dimenticare.
Seguirà un dibattito con il regista del film Giovanni Coda,Sonia Borsato (curatrice d’arte e docente dell’Accademia di Belle Arti di Sassari),Mariolina Cosseddu (curatrice d’arte),Salvatore Ligios (fotografo e docente dell’Accademia delle Belle Arti di Sassari),Barbara Tetti (presidentessa del MOS) insieme ad una delegazione del Mos e molti altri ospiti con i quali affronteremo vari temi legati al film,all’olocausto e alla sua memoria. Interverranno inoltre i docenti della Facoltà tra cui il Preside Arnaldo “Bibo” Cecchini ed Alessandro Fonti,docente di Storia dell’Architettura.
“Dimenticare? Cancellare? È come se avessi concentrato,nella morsa nazista,tutta la mia forza solo sul pensiero di sopravvivere e non su quello di ricordare. Mi sono rimasti da narrare solo frammenti casuali,il cui disordine mi rende anche oggi un uomo incerto.”
“Tra le milioni di vittime colpite dalla follia nazista nel periodo della seconda guerra mondiale il francese Pierre Seel fu imprigionato nel campo di concentramento di Schirmeck perché omosessuale. Sopravvissuto a questa esperienza terrificante,fatta di torture e umiliazioni,dopo la fine del conflitto si è sposato,è diventato padre e ha cercato di vivere una vita normale. Nel 1982 però,è il primo a denunciare le terribili vicende che lo hanno accomunato a migliaia di altri omosessuali,marchiati come lui con il triangolo rosa: un coming out clamoroso che aggiunge altro orrore all’orrore. Il Rosa Nudo,prendendo spunto dalla sua autobiografia "Moi,Pierre Seel,Déporté homosexuel,racconta in maniera teatrale ed evocativa l’Omocausto,soffermandosi sulle teorie scientifiche per la cura dell’omosessualità di Carl Peter Veerne,che hanno aperto la strada alle persecuzioni naziste"
Il Rosa Nudo è un lavoro di cinematografia sperimentale ispirato alla Vita di Pierre Seel ed alla autobiografia scritta in collaborazione con Jean Le Bitoux,che a sua volta è stato uno dei più importanti attivisti per i diritti GLBT in Francia e in Europa.
Questo toccante testo letterario non è stato mai tradotto in italiano. Parlare della vicenda traumatica di Seel,significa rimarcare gli orrori compiuti dai nazisti anche nei confronti di chi era schedato come omosessuale.

Il Rosa Nudo si concentra soprattutto su un episodio doloroso e terribile che segnerà per tutta la vita l’emotività di Seel che,all’epoca dell’internamento,aveva solo 17 anni. Deportato nel campo di Schimerck,assisterà all’atroce morte del suo compagno.

Dopo la Première Nazionale alla 28ma edizione del Torino GLBT Film Festival 2013,la proiezione quale evento speciale "per il suo alto valore artistico,storico e morale" alla 7ª edizione del Queer Lion Award nel corso della 70ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2013 e la partecipazione all’ 11ma edizione del Florence Queer Festival 2013,il film di Giovanni Coda ottiene un riconoscimento internazionale vincendo il Gold Jury Prize quale miglior film al Social Justice film festival 2013 di Seattle.

Giovanni Coda
Videoartista,fotografo e regista cinematografico nasce artisticamente nel 1990. Nel 1995 fonda l’Associazione Socio Culturale Labor e nel 1996 il V-art (Festival Internazionale Immagine d’Autore). Ha 45 opere video all’attivo,diverse collezioni fotografiche e una vasta attività espositiva suddivisa fra pittura,fotografia e videoinstallazioni. Negli ultimi anni ha realizzato mostre e performance di video arte presentate e premiate in Italia e all’estero. Le sue opere sono state esposte a Madrid,Huelva,Assuncion,Siviglia,Barcellona,Francoforte,Berlino,Londra,Parigi,Tokyo,Kyoto,Beijing,New York,Amsterdam,Colonia,Roma,Milano,Venezia,Bergamo e altre città.
Dopo la realizzazione de “Il Rosa Nudo”,è attualmente è impegnato nella pre-produzione del suo nuovo film “La Donna di Carta” e in contemporanea con l’ultima parte della trilogia cinematografica sulla violenza il film “Good As You” entrambi in uscita per il 2014. Il prossimo progetto è previsto per il 2015 e porta il titolo provvisorio di “Five Lives on a Frame”,opera video ispirata alle vite e alle opere di Francesca Woodman,Diane Arbus,Claude Cahun,Tina Modotti e Gerda Taro.

Le città invisibili Sassari

5 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

Allerta Meteo

Rischio Idraulico

Oggi
Domani

Rischio Idrogeologico

Oggi
Domani

Temporali

Oggi
Domani
Scala di rischio
Moderato
Importante
Elevato

# Altri Eventi

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español