Italia Eventi 24
LinguaIT
Neoneli ricorda e rende omaggio a Bonaventura Licheri
Nel paese del Barigadu una serata di interventi,letture e canti dedicata al poeta vissuto tra Sei e Settecento autore di "No mi giamedas Maria" e "Sette ispadas de dolore"
25/11/2016

Metti in evidenza il tuo evento

Evidenza Facebook

Neoneli ricorda e rende omaggio al suo più illustre cittadino del passato,Bonaventura Licheri. Questo venerdì (25 novembre),il paese nel Barigadu,in provincia di Oristano,dedica una serata di interventi,riflessioni,letture e canti al poeta vissuto a cavallo tra Sei e Settecento,famoso per la sua vasta produzione di componimenti sacri,e in particolare di "No mi giamedas Maria" e "Sette ispadas de dolore".
Al centro dell’appuntamento,in programma nella chiesa parrocchiale di San Pietro a partire dalle 17,la presentazione di "Gaudia. Gosos e lodi sacre",una raccolta di settantaquattro testi di Bonaventura Licheri pubblicata di recente dalla editrice Ilisso di Nuoro,nella collana Bibliotheca Sarda,grazie all’impegno dell’amministrazione comunale neonelese. Intervengono il curatore dell’opera,Mario Cubeddu,insegnante e studioso di storia e tradizioni popolari della Sardegna,l’autore della prefazione Maurizio Virdis,professore di filologia romanza e lingua sarda,Graziano Fois,docente di lettere nei licei,e Giuliana Portas,archivista e operatore linguistico-culturale.
Introdotto dal sindaco di Neoneli Salvatore Cau,l’incontro sarà arricchito dalle letture di versi di Bonaventura Licheri affidate all’attrice e cantante Simonetta Soro,e da un concerto del coro Su Cuncordu ‘e su Rosariu di Santu Lussurgiu.
La pubblicazione di "Gaudia. Gosos e lodi sacre" corona un percorso intrapreso nel 2011 dal comune di Neoneli,impegnato nella salvaguardia e nella valorizzazione dell’identità e della memoria storica del paese (anche con iniziative come "Licanìas de Barigadu",la manifestazione enogastronomica e culturale giunta alla settima edizione tra la fine di settembre e i primi di ottobre scorsi),che ha deciso di investire energie e fondi per fare chiarezza sulla figura e l’opera di Bonaventura Licheri: "celebre,dotto e distintissimo poeta",come lo definì a metà dell’Ottocento il canonico Giovanni Spano in "Canzoni popolari della Sardegna",dove scriveva altresì che "la maggior parte di lodi di santi che si cantano nel popolo sono composte da lui"; un poeta,ciononostante,poco studiato,e in modo frammentario quando non addirittura errato,sia sotto il profilo biografico che della produzione poetica. A gettare luce sull’uno e sull’altro aspetto,ecco ora le 321 pagine di "Gaudia. Gosos e lodi sacre".
Nato il 18 gennaio 1668,Sebastiano Antonio Bonaventura Licheri "entra adolescente nel collegio gesuitico di San Michele a Cagliari e qui segue il corso di studi con buoni risultati,sino alla pronuncia dei voti nel 1687",scrive Mario Cubeddu nelle note che accompagnano il libro. "Nel 1692 è nel Collegio di Sassari,quando decide di lasciare la Compagnia,di tornare a Neoneli e di sposare la giovane Cipriana Polla (…). All’origine dell’abbandono ci sono probabilmente ragioni familiari,dalla perdita della madre amata,nel 1684,alla morte del fratello. Il Licheri vivrà a Neoneli il resto della vita come notabile di paese,stimato e apprezzato come tutore degli orfani e proprietario benestante. Nell’anno 1700 trascrive in un quaderno tutti i testi poetici,gosos,letras,sequenze,litanie,composti sino a quella data. Dal 1714 al 1717,negli anni in cui anche la Sardegna è coinvolta nelle guerre di successione spagnola,ricopre la carica di Ufficiale di Giustizia e Giudice Ordinario del Barigadu de susu. Muore a Neoneli nel 1733".
Bonaventura Licheri ebbe in vita ampia fama di poeta sacro e i suoi componimenti si diffusero presto in tutta la Sardegna. "Da Sinnai a Bitti,da Cabras a Sedilo,nel corso del Settecento le confraternite e le parrocchie adottano i testi composti dal Licheri per il canto paraliturgico,riconoscendone la superiorità sul piano della poesia,della morale,della teologia". Le sue composizioni "si pongono all’interno di una attività molto intensa,in Sardegna,in un settore della produzione letteraria di tematica e argomento religioso",sottolinea Maurizio Virdis nella sua prefazione: "Questo tipo di scrittura ha una consolidata tradizione dietro di sé,e la lingua sarda mostra una ormai acquisita capacità stilistica che,qui,Bonaventura Licheri mostra di usare in maniera certamente consumata ed esemplare". Le sue "sono composizioni poetico paraliturgiche che lodano il Signore o la Vergine o i Santi; ma il loro schema compositivo può variare di volta in volta,così come lo schema e il genere metrico,e la loro impostazione tesa alla ricezione da parte dei fruitori".
"È il primo autore espresso dalla Sardegna moderna capace di ottenere l’apprezzamento del ceto colto e semicolto dell’isola,rappresentato in sostanza dal clero",scrive Cubeddu: "Perché i gosos del Licheri sono l’opera di un poeta colto (…) formatosi alla scuola di una poesia religiosa che aveva una lunga storia,strumento usato soprattutto dai Gesuiti nella loro attività missionaria". L’attività poetica di Bonaventura Licheri è quella di "un uomo di cultura il cui scopo è quello di avvicinare al popolo il messaggio evangelico. E il popolo fece proprio questo messaggio al punto da cancellarne l’autore",mentre "le vicende della vita si confondono presto con elementi leggendari. Per questo è assente da tutti gli studi sulla letteratura della Sardegna,dalla Storia dell’Alziator (…) ai più recenti saggi di Pirodda (…) e Salvatore Tola (…)". Ecco perché "una raccolta organica di tutti i testi che,con sufficiente fondamento,gli possono essere attribuiti come autore,o traduttore,può aiutare a definire ancora meglio la sua figura e a inserire la sua opera nel suo tempo e nella vicenda della poesia in Sardegna",sottolinea infine Mario Cubeddu nelle note introduttive di "Gaudia. Gosos e lodi sacre".
Ma a gettare luce sulla vita e l’opera del poeta neonelese contribuisce anche un’altra recente pubblicazione,"Bonaventura Licheri raccontato dalle fonti archivistiche": un opuscolo che raccoglie in una settantina di pagine gli esiti del lavoro di un gruppo di esperti – Mariantonietta Piga,Giuliana Portas e Mario Antioco Sanna – con specifiche competenze in materia filologica,glottologica,paleografica e archivistica,appositamente incaricato dal Comune di Neoneli,"per eseguire tutte le ricerche necessarie a chiarire i lati ancora misteriosi di questo personaggio",come scrive nella prefazione il sindaco Salvatore Cau. Il primo cittadino spiega bene anche il senso dell’operazione e i motivi che hanno spinto l’amministrazione comunale a investire energie e risorse finanziare nello studio della figura e dell’opera di Bonaventura Licheri: "Ogni paese,anche il più piccolo,anche quello che sembrerebbe il più insignificante,è unico e irripetibile grazie al proprio sostrato culturale e identitario,e acquisire la consapevolezza di essere tali è il primo atto di amore che bisogna avere verso noi stessi. (…) Una frase tratta da una famosa poesia di Martin Luther King recita: ‘Se non puoi essere una via maestra sii un sentiero,ma sii sempre il meglio di ciò che sei’: ecco,io sono consapevole che Neoneli non sia una via maestra,ma di certo è un sentiero dalle molte attrattive. Ognuno di noi dovrebbe essere consapevole di tale fascino,mantenerlo vivo e armonioso curando e coltivando tutti gli aspetti che contribuiscono a renderlo speciale,senza nessun complesso di inferiorità nei confronti di ciò che non ci appartiene".

Ufficio stampa: RICCARDO SGUALDINI

89 eventi pubblicati

6 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

Allerta Meteo

Rischio Idraulico

Oggi
Domani

Rischio Idrogeologico

Oggi
Domani

Temporali

Oggi
Domani
Scala di rischio
Moderato
Importante
Elevato

# Altri Eventi

dal 15/12/2018 al 30/12/2018
Ossi
dal 03/12/2018 al 06/01/2019
Semestene
dal 31/08/2018 al 31/12/2018
Alghero
15/12/2018
Cagliari
dal 08/12/2018 al 23/12/2018
San Sperate
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español