Italia Eventi 24
LinguaIT
Carnevale 2011 a Tempio,le date delle manifestazioni in programma
Dal 27/02/2011 al 08/03/2011

Metti in evidenza il tuo evento

Prima di tale data infatti le sfilate,così come oggi sono concepite ,non avevano luogo mancavano di precise allegorie ed erano più che altro,una esibizione di costumi stravaganti fatti di vecchi abiti ed acconciature strane. Fra tutti risaltava il così detto “Linzolu Cupaltatu” un vero e proprio lenzuolo che avvolgeva la donna ( qualche volta anche l’uomo!!) da capo a piedi,nascondendole viso,corpo e forme tanto da rendere il soggetto assolutamente irriconoscibile.

A Tempio,ancora oggi si raccontano scherzi grotteschi giocati da buon temponi che,nascondendosi sotto questo lenzuolo,e facendosi passare per ingenue fanciulle,facevano sognare erotiche avventure a compassati signori. Oggi Lu Linzolu Cupaltatu viene proposto nelle sfilate solo a titolo dimostrativo.

Parliamo del carnevale così come è stato ristrutturato dal 1956/57 e così come è arrivato fino ai giorni nostri con alterne fortune. Il personaggio incontrastato del Carnevale Tempiese è “Giorgio”,ieri “ Jolgliu Puntogliu” oggi invece “Sua Maestà Re Giorgio”. La sua maschera,ieri fantoccio imbottito di paglia ed infilato in un palo,oggi enorme figura assisa su un trono,rappresenta il potere in tutte le sue forme grandi e piccole. Può essere il padrone,può essere il sindaco,l’assessore o il presidente del consiglio o della repubblica,è l’artefice di tutti i mali grandi e piccoli della città è infine lo sberleffo alla vita ed ai suoi problemi.


Per sei giorni Sua maestà Re Giorgio viene osannato,onorato e adulato. Il Martedì grasso,quando il giorno volge al tramonto e la gente è al parossismo del divertimento,il Re,colpevole di tutto,colpevole anche di esistere,viene processato e bruciato sulla pubblica piazza. Si ripete così l’antico rito del fuoco che preannuncia la fine dell’inverno e l’arrivo di una primavera ancora tardiva.
IL Re muore,ha lasciato però un erede. Nei bagordi del carnevale si è invaghito di una formosa popolana,chiamata Mannena e la cui figura,enorme anch’essa sfila accanto a Giorgio,che gli darà un figlio,Sarà Re Giorgio per il prossimo carnevale. Attorno alla figura del Re nascono i carri allegorici e gli sfavillanti costumi che hanno fatto la fortuna del carnevale tempiese nell’era moderna.

Per la realizzazione dei carri e dei costumi si mette in moto in città una gigantesca macchina organizzativa che vede coinvolte migliaia di persone di ogni ordine e grado e di ogni età. Centinaia di giovani,da mesi,nelle ore libere o durante la notte,lavorano alla realizzazione dei carri che hanno ovviamente un tema ed una allegoria ben precisa. Sono solitamente,carri realizzati in carta pesta su una struttura in legno. Attorno a questi carri,circa una ventina,sfileranno migliaia di figuranti nei loro sgargianti costumi realizzati da centinaia e centinaia di sartine,che per mesi hanno pensato solo a tagliare e cucire. E’ una attività frenetica,bellissima da vivere e nella quale si coinvolgono anche i bambini. Non per niente si dice che il tempiese abbia il carnevale nel suo DNA. Le sfilate,cui partecipano anche quaranta/ cinquantamila spettatori si svolgono il giovedì grasso,con l’ingresso in città di sua maestà,domenica con lo sposalizio del Re ed infine martedì con il processo e la condanna al rogo.

Oltre ai carri ed ai gruppi organizzati vi è da segnalare,nelle sfilate,la presenza delle così dette maschere estemporanee. Persone singole,gruppi grandi e piccoli che hanno deciso di sfilare,fuori da ogni regola,per il semplice gusto di esserci. Sono maschere bellissime,piene di significato,pronte allo sberleffo feroce,grottesche e comiche al tempo stesso,anima anche loro del carnevale tempiese.

Oltre le sfilate di cui si è detto il carnevale moderno propone anche una serie di spettacoli e manifestazioni collaterali per grandi e piccini di grandissimo interesse. Da non dimenticare ovviamente i grandi veglioni che per sei giorni animano la città.

Programma:

Domenica 27 febbraio alle ore 10.00 l’appuntamento è in piazza cn la XII edizione del raduno Bandistico regionale.
Una manifestazione assente da 17 anni,che rientra a pieno titolo fra gli eventi collaterali del carnevale.

Le tre sfilate di Giovedì 3, domenica 6 e martedì 8 marzo (ORE 15.00) coinvolgeranno dodici carri allegorici in concorso,le Majorette e la fanfara della Bulgaria,il Gruppo Teatrale la Fantasia di Quartu Sant’Elena, gli Sbandieratori e i Musici Della “ Città dei Candelieri “ di Sassari,e centinaia di maschere e gruppi estemporanei.

Torna anche La Lotteria del Carnevale,una lotteria provinciale organizzata dai ragazzi della classe 66. I biglietti sono già in vendita in tutta la provincia al costo di 3,00euro. Sono previsti premi importanti.
La classe 66 ha deciso di devolvere a favore di Fabrizio Pinna,affetto da una patologia gravissima,rara e estremamente invalidante,una quota dei biglietti venduti ad Olbia. Durante il Carnevale non mancheranno frittelle,cucina tipica e menù a tema. La città è pronta al primo lancio di coriandoli.

Maria Pintore – Ufficio Stampa Carrasciali Timpiesu 2011
Tel – 338.8545984

Organizzazione

[email protected]
079/679918

Maria Pintore

15 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

dal 12/07/2019 al 13/07/2019
Trinità d'Agultu e Vignola
dal 19/04/2019 al 26/07/2019
Cagliari
dal 21/03/2019 al 04/07/2019
Cagliari
dal 15/06/2019 al 16/06/2019
Irgoli
dal 03/06/2019 al 24/06/2019
Nurri
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español