Italia Eventi 24
LinguaIT
Antonio Costa,Storico del cinema in Cineteca a Cagliari
27/03/2015

Metti in evidenza il tuo evento

Venerdì 27 marzo 2015,alle ore 19.00,presso la Cineteca Sarda di Cagliari (Viale Trieste 126) sarà presente uno dei più importanti storici del cinema italiani,il prof. Antonio Costa,autore del libro La mela di Cezanne e l’accendino di Hitchcock (Ed. Einaudi,2014) che sarà presentato dal critico cinematografico Gianni Olla. L’iniziativa è il 5° appuntamento del ciclo di presentazioni di libri e film organizzato dalla Società Umanitaria – Cineteca Sarda di Cagliari LIBRI & CINEMA. Lo sguardo e la lettura: punti di vista e pagine scritte a confronto. Antonio Costa è saggista e storico del cinema,ha insegnato nelle Università di Bologna,dove ha diretto il Dipartimento di Musica e Spettacolo dal 1995 al 1998,di Trieste e di Venezia (IUAV) e,come visiting professor,a Paris VIII e a Montréal. Fa parte del Comitato Scientifico della Storia del Cinema Italiano del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Tra i Suoi libri più recenti: la nuova edizione di Saper vedere il cinema (2011); Viaggio sulla luna (2013) e Il cinema italiano (2013). Per le edizioni Einaudi ha pubblicato Il cinema e le arti visive (2002). A conclusione della serata sarà proiettato il film IL DIAMANTE BIANCO (The White Diamond,GB-Germ. 2005)
di Werner Herzog.

PROGRAMMA
La Società Umanitaria – Cineteca Sarda di Cagliari presenta
LIBRI & CINEMA
Lo sguardo e la lettura: punti di vista e pagine scritte a confronto
Ciclo di presentazioni di libri e film

Venerdì 27 marzo 2015
Cineteca Sarda,ore 19
Presentazione del libro
LA MELA DI CEZANNE E L’ACCENDINO DI HITCHCOCK
di Antonio Costa (Ed. Einaudi,2014)
Presentazione a cura di Gianni Olla

IL LIBRO:
Antonio Costa si occupa di ciò che «arreda» il mondo in cui si svolgono le storie,di ciò che sta attorno ai personaggi: delle cose con cui i personaggi entrano in contatto e delle cose che in vario modo entrano nella storia. E se ne occupa da vari punti di vista: narrativo,plastico,simbolico. Indaga cioè sul rapporto tra le cose e le forme cinematografiche: sul perché possiamo dimenticare certi particolari della trama dei film di Hitchcock,ma non dimenticheremo mai determinati oggetti degli stessi film: una chiave,un bicchiere di latte,un accendino…
La mela è una di quelle «incredibili mele e pere dipinte da Cézanne» che Woody Allen,in Manhattan,mette tra le dieci cose per le quali vale la pena di vivere. L’accendino è quello di Delitto per delitto: secondo gli esperti un Ronson,modello Adonis,personalizzato. A metterli assieme,la mela di Cézanne e l’accendino di Hitchcock,è stato Godard,in Histoire(s) du cinéma. E questo per dirci che sono ben pochi quelli che conservano memoria della mela di Cézanne in confronto a quanti ricordano l’accendino di Delitto per delitto. Da qui prende le mosse questo libro dedicato alle cose che vediamo nei film,e ai film come luoghi in cui gli oggetti quotidiani sono diventati,almeno nel nostro immaginario,quello che sono. Non solo di caffettiere,panchine e spremiagrumi si tratta,ma anche di una goccia di pioggia su una foglia,della fiamma di un fuoco acceso in riva al mare,di un fossile incastonato in una roccia…

ore 20.30 – proiezione del film
IL DIAMANTE BIANCO (The White Diamond,GB-Germ. 2005)
di Werner Herzog
Documentario,durata 90 min )
Soggetto: Werner Herzog,Rudolph Herzog – Sceneggiatura: Werner Herzog – Fotografia: Henning Brümmer,Klaus Scheurich – Montaggio: Joe Bini – Musiche: Ernst Reijsiger,Eric Spitzer – Interpreti: Werner Herzog:,Graham Dorrington,Annette Scheurich,Marc Anthony Yhap
C’è un vascello bianco che vola più leggero dell’aria su una foresta pluviale,c’è un ingegnere aeronautico,Graham Dorrington,a governarlo nel cielo e c’è un regista,Werner Herzog,a trasformarlo in cinema. La magnifica ossessione del volo,la natura e il cinema sono gli ingredienti di questo documentario girato due anni fa nel cuore della Guyana,che anticipa dello stesso autore il naturalistico Grizzly Man e il fantascientifico L’ignoto spazio profondo.
Il diamante bianco del titolo è un dirigibile gonfiato ad elio che sorvola le imponenti cascate del Kaieteur,dietro le quali,proprio come dietro a un sipario,nidificano i rondoni e si annidano miti e leggende indigene. Davanti alla macchina da presa del regista bavarese,Dorrington mostra i modellini progettati nel suo hangar in Inghilterra,prototipi che visualizzano quello che diventerà il White Diamond,esattamente come un museo di storia naturale evidenzia il legame evolutivo tra gli esseri viventi. I suoi palloni volanti arrivano da lontano,da quando bambino un razzo scoppiato gli tranciò tre dita della mano. Dall’infanzia le ascensioni mirabolanti e le cadute rovinose dei dirigibili lo hanno accompagnato come una visione superiore. Una visone che nel momento dell’affermazione fallisce,negata dalla natura pesante dell’uomo. Dodici anni prima dell’impresa tentata con Herzog,a morire,precipitato nel vuoto dalla sua invenzione,è l’amico e regista Dieter Plage. Il lutto e il senso di colpa mai rielaborati da Dorrington vengono perdonati e superati nel volo perfetto impressionato in questo documentario. Una trasvolata che questa volta ha il dono "sostenibile della leggerezza". Nella traversata aerea lo accompagna Herzog,che da quella posizione transitoria e privilegiata ribadisce la sua visione cinematografica,insieme estetica ed esistenziale. La poetica archetipica dell’eroe ossessionato dalla sua "weltanschauung",da un’idea del mondo "al di sopra" come un dirigibile bianco o come la melomania di Fitzcarraldo. Non di meno le riprese a terra di Herzog,rivelano una medesima esaltazione mistica. Intorno alla spedizione si muovono uomini e donne indigeni che informano la natura incontaminata del loro romanticismo,sognando di volare col proprio gallo in Spagna,magari da una mamma lontana,o danzando su rocce a strapiombo per cullare lo spirito della cascata.

Ingresso libero
Promosso da Regione Autonoma della Sardegna – Ufficio Beni Librari,biblioteca e archivio storico regionale e dal Servizio Audiovisivi Provinciale – Biblioteca provinciale di Cagliari
In collaborazione con: Istituto Gramsci della Sardegna; Cineclub Fedic di Cagliari; Casa Natale Gramsci di Ales; Società di Sant’Anna

Cineteca Sarda

3 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

dal 22/09/2019 al 26/01/2020
Sanluri
dal 08/12/2019 al 22/12/2019
Musei
dal 31/12/2019 al 01/01/2020
Narcao
dal 30/11/2019 al 18/12/2019
Cagliari
dal 09/11/2019 al 31/12/2019
Oristano
dal 28/11/2019 al 19/12/2019
Selegas
dal 14/12/2019 al 15/12/2019
Berchidda
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español