Italia Eventi 24
LinguaIT
A Cagliari Qui e ora con Valerio Mastandrea
Dal 09/01/2013 al 13/01/2013

Metti in evidenza il tuo evento

Qui e ora

9- 13 gennaio 2013

di Mattia Torre (testo inedito,appositamente commissionato – 2012)
PRIMA NAZIONALE






mercoledì 9 gennaio 2013 – ore 20.45 / Turno A

giovedì 10 gennaio 2013 – ore 20.45 / Turno B
venerdì 11 gennaio 2013 – ore 20.45 / Turno C

sabato 12 gennaio 2013 – ore 20.45 / Turno D

domenica 13 gennaio 2013 – ore 19.00 / Turno E




Teatro Massimo
Viale Trento,Cagliari

Info:
tel. 345 4894565 (biglietteria)
070 270577



BAM Teatro / Vasquez y Pepita

Qui e Ora

di Mattia Torre

con Valerio Mastandrea

scene e costumi Alessandro Lai
regia Valerio Mastandrea

prima nazionale

Debutta a Cagliari – in prima nazionale – “Qui e Ora”,la pièce di Mattia Torre che segna il ritorno al teatro di Valerio Mastandrea,dopo il fortunato monologo “Migliore” (firmato dallo stesso autore) sulla metamorfosi di un “cattivo”: un testo inedito,scritto ad hoc,per un nuovo progetto,di una corrosiva e intelligente indagine sulla realtà nei suoi lati grotteschi,firmato BAM Teatro.

Lo spettacolo

Un incidente appena avvenuto in una strada secondaria di un’isolata periferia romana,vicina al grande raccordo anulare,completamente deserta,senza passanti né case,nei campi,nel nulla.
Due scooter di grossa cilindrata subito dopo l’impatto: il primo ribaltato,idealmente conficcato a terra,il secondo irriconoscibile,un disastro di lamiere ancora fumanti.
Un incidente importante,spettacolare.
A terra,a pochi metri l’uno dall’altro,due uomini sulla quarantina; il primo immobile,potrebbe essere morto,l’altro piano muove un piede,a fatica si alza.
E anche il primo apre gli occhi.
Avrebbero bisogno di aiuto,ma non lo avranno; avrebbero bisogno di cure,ma i soccorsi non arriveranno prima di un’ora e mezza.
Intorno a loro,per loro,niente e nessuno.

L’autore

Mattia Torre,romano (classe 1972) firma (tra il 1995 e il 2000) insieme a Giacomo Ciarrapico le sue prime commedie teatrali: “Io non c’entro”,“Tutto a posto”,“Piccole anime” e “L’ufficio”. Diario di viaggio – durante il conflitto del Kosovo – è invece “Faleminderit,Aprile ’99,in Albania durante la guerra” (2000). Per il cinema,è co-sceneggiatore del film “Piovono Mucche” di Luca Vendruscolo (2001); due anni dopo,nel 2003,con il monologo teatrale “In mezzo al mare”,vince al Teatro Valle di Roma la XVII edizione della rassegna “Attori in cerca d’autore”. Coautore della pièce “Infernetto” di e con Giorgio Tirabassi,si cimenta anche con il linguaggio televisivo: cura l’adattamento e lavora come editor per la serie “Love bugs” su Italia 1 (2004) e collabora con Paola Cortellesi – è uno degli autori dei testi – per lo show “Nessun dorma”,su Rai2. Riflessioni sull’alienazione moderna in un racconto al confine del bene e del male nel monologo “Migliore” (2005) di cui Mattia Torre firma testo e regia,interpretato da Valerio Mastandrea,che sarà anche protagonista,insieme a Marco Giallini,della miniserie televisiva “Buttafuori”,ideata e scritta – per RaiTre – da Torre con Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo. Autore di monologhi come “Gola” (produzione Ambra Jovinelli),sapido affresco di un’Italia vittima della buona cucina tra fame atavica,ansia divoratrice e umori digestivi e “Il figurante” e del corto teatrale “Sopra di noi”,Mattia Torre collabora anche con il programma “Parla con me” di Serena Dandini. Firma,con Ciarrapico e Vendruscolo,la serie cult (anzi “la fuori serie italiana”) “Boris” per Fox Italia,e sceneggiatura e regia (sempre a sei mani) dell’omonimo film del 2011.

L’attore e regista

Icona di un cinema indipendente o comunque impegnato e attento alla realtà che privilegia i toni grotteschi e perfino scanzonati da commedia surreale,Valerio Mastandrea – nato a Roma,classe 1972 – esordisce come attore teatrale,approdando quasi per caso sul grande schermo in “Ladri di cinema” di Piero Natoli (1994) e due anni dopo (1996) con “Tutti giù per terra” di Davide Ferrario conquista la Grolla d’Oro come miglior attore protagonista,e il Pardo d’oro al Festival di Locarno. La notorietà televisiva dell’allora 19enne (aspirante) attore comincia però dal salotto mediatico del “Maurizio Costanzo Show” e con le apparizioni a “Quelli che… il calcio”,mentre il talento istrionico dell’artista romano emerge già in “Cresceranno i carciofi a Mimongo” di Fulvio Ottaviano (con Daniele Liotti),con il personaggio decisamente sopra le righe di un eterno,intemerato viveur. Il successo in teatro arriva con “Rugantino”,celebre commedia musicale di Garinei e Giovannini,in cui interpreta sul palco del Sistina il ruolo che fu di Nino Manfredi,applaudito da 1400 persone per ben 253 repliche. Torna al cinema d’autore con “Viola bacia tutti” (1998) di Giovanni Veronesi e “Velocità Massima” (2002) di Daniele Vicari (che gli varrà il Premio Pasolini Pigneto come miglior attore e l’Annecy Cinema Italien); “L’odore della notte” (1998) di Claudio Caligari,“Barbara” (1998) di Angelo Orlando e “Domani” (2001) di Francesca Archibugi; e ancora “Lavorare con lentezza” (2004) di Guido Chiesa e “Il siero della vanità” (2004) di Alex Infascelli.

Sul piccolo schermo dà prova del suo talento comico accanto a Paola Cortellesi in “Nessun dorma”,interpreta “Gli insoliti ignoti” (2003) e “Ladri ma non troppo” (2004) di Antonello Grimaldi nonché la miniserie “Buttafuori”. Nel 2002 emigra in Francia per girare “Nido di Vespe”,poi l’incontro con Ettore Scola,che lo dirigerà in “Gente di Roma” in una carrellata sulla città eterna multietnica. Seguiranno,tra gli altri,“Piano 17” dei Manetti Bros e “N – Io e Napoleone” di Paolo Virzì,poi l’amaro e quasi “profetico” affresco del Belpaese de “Il Caimano” di Nanni Moretti,e ancora le venature blues del “Notturno Bus” di Davide Marengo e “Non pensarci” di Gianni Zanasi,poi “Tutta la vita davanti” di Virzì (tratto dal libro di Michela Murgia “Il mondo deve sapere”). E ancora “Un giorno perfetto” di Ozpetek,la commedia “Ex” di Fausto Brizzi,“Giulia non esce la sera” di Piccioni. All’inizio del 2010 è protagonista nel film di Virzì “La prima cosa bella” con Stefania Sandrelli,che gli regala un Premio come Miglior Attore ai David di Donatello. Dopo “Ruggine” di Daniele Gaglianone,nel 2012 arriva nelle sale “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana,in cui Mastandrea interpreta il commissario Luigi Calabresi nei giorni cruciali dell’attentato di Piazza Fontana. Poi “Gli equilibristi” di Ivano De Matteo e “Il comandante e la cicogna” di Silvio Soldini.

Mastandrea non disdegna il cinema nella “forma breve”: oltre a vari videoclip,gira diversi cortometraggi,da “Mirko e Caterina” (1995) di Cecilia Calvi fino a “Trevirgolaottantasette” – di cui cura pure la regia,e la sceneggiatura insieme a Daniele Vicari,con Elio Germano,Jasmine Trinca e Marco Giallini nel cast (e con cui vincerà la prima edizione dell’RDC Awards nel 2005). Incursioni letterarie: Valerio Mastandrea firma anche insieme al giornalista/ scrittore Francesco Abate,il romanzo “Chiedo Scusa”.

Sulla scena,dopo i fasti del “Rugantino”,ritornerà nel 2005 con “Migliore”,tragicomico monologo di Mattia Torre e (nel 2013,con debutto a Cagliari) sempre di Torre,“Qui e Ora”.
http://www.cedacsardegna.it/portfolio-view/qui-e-ora/




985 eventi pubblicati

138 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

dal 03/05/2019 al 30/10/2019
Bitti
21/09/2019
Cagliari
dal 09/09/2019 al 07/10/2019
Cagliari
dal 14/09/2019 al 06/10/2019
Gergei
dal 15/09/2019 al 22/09/2019
Belvì
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español