Italia Eventi 24
LinguaIT
Di e con l'attrice e regista Isabella Carloni,in scena con Rita Atzeri sulle note dell'arpa di Raoul Moretti e con gli interventi di un coro femminile
11/04/2015

Metti in evidenza il tuo evento

Evidenza Facebook

Fra teatro e poesia,un intrigante viaggio nell’immaginario e nell’universo femminile: debutta in anteprima nazionale sabato 11 aprile alle 21:00 al Teatro San Bartolomeo di Meana Sardo (nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo a cura del CeDAC,con lo slogan “Giù la Maschera!”): “Sios-Boulé/ …di Joyce Lussu e altre Sibille” (co-produzione del Crogiuolo e Rovine Circolari),progetto originale di e con l’attrice,cantante e dramaturga Isabella Carloni,in scena con Rita Atzeri sul filo delle note dell’arpa elettrica di Raoul Moretti e sull’eco di antichi canti dell’Isola,interpretati da un coro di sole donne.

La pièce – ispirata alla figura e all’opera di Joyce Lussu,e in particolare alle sue ricerche sulle sibille e sui miti e gli archetipi di un’arcaica civiltà matriarcale (confluite nel suo “Libro delle streghe”) – affronta l’enigma di una plurisecolare tradizione patriarcale,a fronte dei saperi perduti e dimenticati di donne potenti e sagge,regine e profetesse,guaritrici,sacerdotesse e sciamane.

Dialoghi sibillini – fra periferie urbane e scenari post-industriali – compongono un racconto per quadri,in cui due misteriose creature,donne folli o sapienti,ridotte a pallide icone ed eredi di una perduta grandezza,cercano di salvare le preziose parole cui affidare la memoria del passato e del presente,quali chiavi indispensabili per interpretare il futuro.
Le attrici incarnano – in questo sottile gioco di rimandi tra fantasia e realtà,tra le emergenze dell’oggi e i valori e le certezze di ieri – due moderne sibille,ormai incerte sul dono della visione e sul valore di nuove profezie (secondo l’etimologia del nome da σιοὺς (sious) e βουλὴν (boulé),ovvero “consiglio divino”),ma pur sempre custodi del significato profondo delle parole,in un mondo che sembra aver perduto i punti di riferimento e i fondamenti etici e morali.

I versi di Joyce Lussu e le sue intuizioni affiorano,come brevi folgorazioni insieme ai ricordi di un’esistenza avventurosa,dalla lotta antifascista all’incontro con Emilio Lussu,futuro compagno di vita e di battaglie reali e ideali,all’impegno politico,e alla sua fervente attività in difesa dei diritti e della dignità dei popoli.
Poetessa e scrittrice,scopritrice e traduttrice di poeti,tra cui Nazim Hikmet e Agostinho Neto,la fiorentina Gioconda Beatrice Salvadori Paleotti,meglio nota come Joyce Lussu,conobbe gli incubi e le tragedie del secolo breve,dalla violenza della dittatura agli effetti del colonialismo,e da studiosa dell’altra storia,quella dei vinti,scelse di farsi voce degli ultimi,dei deboli,degli esclusi.
“Sios-Boulé/ …di Joyce Lussu e altre Sibille” – in anteprima a Meana Sardo in forma di mise en éspace,è il primo capitolo di un progetto di respiro pluriennale intorno ai testi dell’intellettuale e artista toscana,che scelse la Sardegna,terra natìa del marito Emilio,come patria d’elezione,indagandone la cultura e la lingua,le tradizioni e confrontandosi con una realtà diversa,ma non troppo,da quella conosciuta durante l’infanzia e la giovinezza.
Il carattere schivo e generoso dei sardi,che la accolsero dopo un’iniziale ritrosia,e l’autorevolezza e la sapienza delle donne,il loro ruolo all’interno della comunità,sembrano sottendere una civiltà arcaica fondata sulla parità tra i sessi se non sul matriarcato,insieme a una fierezza di popolo,mai veramente sottomesso,ancora intuibile nello sguardo e nel portamento,coerente con l’ipotesi di un’era remota in cui l’aspirazione alla pace prevalesse sulla forza delle armi.
Tra le righe dei racconti e dei saggi di Joyce Lussu s’intravede,nella ricostruzione di una “controstoria” la speranza di una rinnovata utopia: da ricercatrice di miti e tradizioni popolari,la scrittrice riportò alla luce le tracce di una differente gerarchia dei poteri,di una posizione preminente delle donne (custodi dei saperi arcani della vita e della morte,dotate di capacità di divinazione e visione profetica). Tra invenzione e verità storica,le antiche e moderne Sibille rappresentano l’ideale ponte fra i misteri della natura e la scienza del sovrannaturale,e l’umano: il loro sguardo coglie i simboli,vede al di là delle apparenze,esse sanno decodificare i segni celati nella terra e nel cielo,leggono nel libro della Storia e rivelano ciò che sarà,o potrebbe essere.

Il teatro diventa il luogo dello svelamento,in cui viene finalmente (di)mostrata la verità,ma anche dell’incantesimo delle parole,nella musicalità del verso e nel potere evocativo di un suono che rimanda a immagini,sensazioni,emozioni: quel che accade sulla scena sfida la verosimiglianza,ma è di per sé reale,perché avviene sotto gli occhi,alla presenza,e con la complicità del pubblico.

Due artiste – due donne del terzo millennio – grazie alla magia della scena possono trasformarsi in Sibille e indagare insieme agli spettatori sul caos e sul nonsense contemporaneo,interrogarsi sulle contraddizioni della società,sulla (in)evitabilità dei conflitti,sulla brutalità e assurdità delle guerre,riflettere,portatrici di un’antica saggezza e del segreto della profezia,prerogativa dei poeti,su come costruire un futuro diverso e migliore,una civiltà che sappia trarre insegnamento dalla storia e prediliga la pace e la giustizia,e favorisca così il dialogo e la solidarietà tra i popoli.
La poesia e il canto,le trame vere e inventate che s’intrecciano ai nodi cruciali dell’attualità,e il suono dell’arpa,compongono l’epica fantastica di “Sios-Boulé/ …di Joyce Lussu e altre Sibille”: una pièce che si rivolge alla mente e al cuore,con l’auspicio che il teatro ridiventi il fulcro del dibattito,del confronto in seno alla comunità,quell’agorà da cui partire per rendere concreto il sogno di una civiltà capace di sconfiggere i suoi demoni e le sue paure,in cui il gioco delle armi sia appena un vago ricordo,e gli abitanti del pianeta imparino finalmente a convivere in armonia.

AnnaBrotzu CeDAC

73 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

Allerta Meteo

Rischio Idraulico

Oggi
Domani

Rischio Idrogeologico

Oggi
Domani

Temporali

Oggi
Domani
Scala di rischio
Moderato
Importante
Elevato

# Altri Eventi

dal 16/12/2018 al 24/02/2019
Cagliari
dal 26/01/2019 al 21/07/2019
Lunamatrona
dal 27/04/2019 al 01/05/2019
Pompu
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español