Italia Eventi 24
LinguaIT

Oliena

  • Provincia Nuoro
  • Sito Comune Comune di Oliena
  • Cod. Postale 08025
  • Codice ISTAT 091055
  • Codice Catastale G031
  • Abitanti 7.036
  • Altitudine 339 m s.l.m.
  • Superficie 165,74 km²

Non conoscete il Nepente di Oliena neppure per fama? Ahi lasso! Gabriele D’annunzio

Lasciando la fonte di Su Gologone, proseguendo per Nuoro, s’incontra il paesino d’Oliena.

Incastonato ai piedi del Supramonte, questo gioiello dal cuore antico, conserva molti tratti del vecchio centro storico fatto di case con piccole corti, scale esterne per muoversi sui diversi piani dell’abitato e imbiancate a calce.

La manifestazione Cortes Apertas, che si svolge ogni anno a metà settembre, è stata creata per riscoprire questi singolari motivi architettonici oltre che per svelare la vita e le attività che si svolgevano dentro. Si riscopre così ogni anno la magia del pane fatto in casa, del laborioso ricamo a mano, della vinificazione e così via. Non si può dire di aver gustato la cucina tradizionale sarda senza averla accompagnata con un buon cannonau, ed è solo in questo angolo di Sardegna che si trova la sua varietà più robusta e profumata: il Nepente.

La produzione locale è molto vasta ma tutta di ottima qualità, sia questa della cantina sociale, di cantine private o di qualche produttore singolo.

Durante il giorno di pasqua si svolge la processione de S’Incontru, durante la quale la statua della Madonna incontra quella del Cristo risorto. Di tutte le processioni simili in Sardegna questa è la più caratteristica, le due statue vengono fatte incontrare in piazza Santa Maria, a metà strada di un tappeto di erbe profumate, realizzato per l’occasione, che ai lati è delimitato da giovani in costume.

Nelle ultime fasi dell’avvicinamento tra il Cristo e la Madonna il silenzio è Solenne, viene tolto il velo a lutto alla madre addolorata che infine riabbraccia il figlio risorto. Viene impartita la benedizione con l’incenso ed è a quel punto che esplode la gioia dei fedeli: fucili e pistole vengono scaricati in aria, s’intuisce che qualche campana sta suonando ma la vera melodia è scandita dagli spari. Madre e Figlio abbandonano la piazza sotto una pioggia di bossoli che piovono da ogni dove, accompagnando il rinnovato miracolo della resurrezione.

GIOVANNI CORBEDDU SALIS, IL RE DELLA MACCHIA
Non si può parlare d’Oliena e non nominare il bandito Corbeddu, il bandito buono. Eppure sulla sua testa pendevano imputazioni per omicidi, estorsioni, rapine; quale motivo poteva spingere ad avere tanto rispetto per un uomo simile? Le vicissitudini della sua vita si sono tramandate come una leggenda nel secolo scorso, a volte sconfinando nel fantastico, facendo confondere realtà e mito di un semplice figlio di quegli anni difficili. Giovanni Salis, vide i suoi natali nel 1844 ad Oliena, la sua famiglia versava in condizioni economiche modeste e lui condusse un’esistenza ordinaria fino alletà di 34 anni.

Fu accusato di furto di buoi e condannato per tale reato; a quel punto iniziò la sua latitanza: non aveva alcuna intenzione di finire in prigione per un crimine che, a suo dire, non aveva commesso. Iniziarono i lunghi anni della latitanza, in cui il bandito sembrava sgusciare indenne da qualsiasi trappola i carabinieri gli tendessero. Dopo anni di onorata carriera, Corbeddu si ritirò dalla sua attività di fuorilegge; nacque un patriarcato, un principato di fuorilegge in cui lui era sovrano, le stesse autorità ne erano informate e tolleravano. Non bisogna immaginare una fortezza o un trono di preziosi, i bastioni del regno erano costituiti dalla sua autorità, le mura della sua reggia erano le pareti di qualche grotta nel cuore del Supramonte.

I riguardi che riceveva erano in tutto e per tutto quelli di un re, i banditi più vecchi si rivolgevano a lui per ottenere consigli, i novizi speravano di ottenere da lui l’investitura di banditi, quasi dovessero entrare a far parte di un ordine. Il suo regno era tra i monti ma a volte, durante le feste, abbandonava la sua grotta e scendeva nel suo paese, si univa ai canti e alle danze, riassaporando un pò di quella mondanità da cui era stato esiliato. Tra i vari ministeri di Corbeddu, vi era quello di fornire un lasciapassare a quei signorotti che, giunti da ogni parte d’Italia, volevano cacciare su quei monti famosi per l’abbondanza di selvaggina e allo stesso tempo non diventare prede. Il contrario accadde per due francesi commercianti di sughero che trattavano per degli acquisti dalle parti di Fonni. Furono avvertiti dei pericoli che si correvano a muoversi in quelle campagne, fu consigliato loro di prendere una scorta; come risposta i due sbeffeggiarono i temerari banditi, erano abituati a ben altri pericoli dissero.

Forse per lo sbeffeggio o forse solo per mestiere, i banditi sequestrarono i due appena fuori dal paese, senza lasciargli il tempo di godere della loro audacia. La stampa francese sollevò un polverone e lo stato italiano non sapeva come scongiurare l’incidente diplomatico.

Fu il viceprefetto di Nuoro a trovare la soluzione: Perché non chiediamo a Corbeddu? Il bandito buono, pur non avendo niente a che fare con il sequestro, mediò coi banditi, riconsegnando egli stesso i due stranieri alle autorità. Quando le alte cariche, fecero per dargli la ricompensa che lo stato aveva promesso, la leggenda narra che lui rifiutò, liquidando tutti con: Corbeddu non ha bisogno di denaro, questi due non hanno fatto del male a nessuno e noi ve li rendiamo. Probabilmente tanto valore avrebbe dovuto fare di lui un eroe, o perlomeno riconoscere il suo animo fondamentalmente bonario. Ma in un Italia ancora in fasce, il governo centrale non concepì, probabilmente, di dover chiedere aiuto ad un bandito per risolvere i suoi problemi, l’ordine andava ristabilito. Uno schieramento mai visto si mosse alla volta del rifugio di Giovanni Corbeddu, quando lo raggiunsero si stava allontanando dal suo vecchio nascondiglio a causa di un brutto presagio. Lui e i suoi uomini furono accerchiati e gli fu concessa la promessa di un processo equo, in cambio della resa. Allora parlò ai suoi uomini e li convinse ad arrendersi, a provare ad aver fiducia in quella giustizia che lui non riconosceva.

Mentre i suoi uomini con le mani in alto si consegnavano ai carabinieri, Corbeddu tentò ancora una volta di rifugiarsi nella sua amata montagna, saltò come un muflone di roccia in roccia fino a che il tiratore scelto Aventino Moretti, non pose fine a quella leggenda. Nelle sue tasche furono trovati molti biglietti con dichiarazioni d’amore. Li aveva avuti, sicuramente durante qualche festa a cui aveva preso parte, da quelle ragazze con cui scambiava qualche battuta e che subivano inevitabilmente il fascino di quell’ardimentosa personalità.

Le vicende relative alla grande campagna contro il banditismo attuata agli inizi del novecento e scorci della società di allora, sono riportati nel libro Caccia Grossa di Giulio Bechi, Tenente dell’arma che partecipò a quella campagna. Nonostante il libro per certi aspetti si possa definire un po’ crudo e lapidario nei confronti della società sarda, gli si deve riconoscere l’autenticità delle descrizioni di personaggi e luoghi, oltre al tentativo di aver abbozzato, per la prima volta, una serie di soluzioni sociali al problema della delinquenza in Sardegna.


Meteo Oliena

Durante la prima parte della giornata sereno tendente nella seconda parte della giornata nubi sparse con qualche pioggia
Mercoledì
Durante la prima parte della giornata sereno tendente nella seconda parte della giornata nubi sparse con qualche pioggia
Min.12 °C
Max.19 °C
Tutto il giorno nubi sparse
Giovedi
11 / 17 °C
Tutto il giorno nubi sparse con qualche pioggia
Venerdì
10 / 15 °C
Durante la prima parte della giornata nubi sparse con qualche pioggia tendente nella seconda parte della giornata nubi sparse con piogge moderate
Sabato
7 / 12 °C
Tutto il giorno nubi sparse con qualche pioggia
Domenica
6 / 12 °C
Tutto il giorno nubi sparse con qualche pioggia
Lunedì
7 / 11 °C
Durante la prima parte della giornata sereno tendente nella seconda parte della giornata nubi sparse con qualche pioggia
Martedì
6 / 15 °C
Il Meteo.net

Allerta Meteo

Rischio Idraulico

Oggi
Domani

Rischio Idrogeologico

Oggi
Domani

Temporali

Oggi
Domani
Scala di rischio
Moderato
Importante
Elevato

# Eventi

dal 10/08/2018 al 30/12/2018
Cagliari
dal 01/12/2018 al 02/12/2018
Lanusei
dal 09/11/2018 al 30/11/2018
Assemini
09/12/2018
Alà dei Sardi
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed
Regione Autonoma della SardegnaANCIACI

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español